nov
28
Posted on 28-11-2011 at position
Filed Under (Logbook) by saro

Las Palmas, 16 Novembre 2011

Ogni anno, a Novembre, a Las Palmas (Isole Canarie) si danno appuntamento centinaia di imbarcazioni per la partenza dell’ARC (Atlantic Rally for Cruisers)  ideata e fondata dal “mitico” Jimmy Cornell.


L’intera città di Las Palmas vive questo evento con grande attesa e accoglie barche ed equipaggi secondo la migliore tradizione di ospitalità “canarina”.
Tralasciando i noiosi incontri ufficiali, mi piace farvi conoscere due dei principali protagonisti “veri” di questo importante evento.


Il primo è “Pedro Texaco” il mitico gestore del l’omonimo distributore del porto turistico che a parte le coccole che riserva a tutti i partecipanti è l’organizzatore della “regata dei dinghi” riservata a tutti gli equipaggi delle barche che si sfidano in una allegra “battaglia” condotta con tutti i mezzi ad eccezione dei motori.

Il nostro valoroso dinghi è stato sponsorizzato dal secondo personaggio che voglio presentarvi: Peppino oggi noto come “la leggenda” per via di un imponente articolo con tanto di faccione a riempire una doppia pagina, pubblicato dalla rivista “Il Giornale della VELA” sotto il titolo “La Leggenda del Barista sull’Oceano”!

 


Peppino un Pugliese naturalizzato Milanese è arrivato con la sua barca a Las Palmas cinque anni addietro e, colpito dalla bontà del clima e dalla possibilità di prendere in affitto un bel locale nell’allora nuovissimo porto sportivo di Las Palmas, decide di fermarsi con Manuela, la moglie e Techila il cane, per mettere su il “Sailor Bar” che, grazie alla loro simpatia ed abilità, è diventato il vero punto di riferimento per tutti i naviganti in transito nonché luogo dedicato alla ricerca di imbarchi per i sempre più numerosi “barcastoppisti” desiderosi di un passaggio per i Caraibi.
Peppino lo avevamo conosciuto nel nostro primo passaggio di quattro anni fa e ci siamo riabbracciati come se questo tempo non fosse mai passato. Manuela ci ha coccolato con le sue magnifiche torte e crostate e i buonissimi muffin alle mele serviti appena sfornati ogni mattina.
Tornando alla regata dei dinghi i nostro è stato prontamente “sponsorizzato” dal Sailor Bar di Peppino e con tanto di maglietta d’ordinanza Lucio ed Andrea a cui si sono uniti Irene e Chis di Uxorious IV, un fiammante Swan 62, hanno elaborato una sofisticata “strategia di attacco” basata su pistoloni ad acqua e secchi oltre a “bombe” d’acqua e farina contenute in palloncini preparati per la bisogna.


Il risultato (visibile dal filmato allegato) è stato particolarmente divertente sotto lo sguardo attento e soddisfatto di un raggiante Pedro che vive la “sua” tanto attesa giornata dell’anno.
La sera tutti premiati con coppe e immancabile sbevazzata con grigliata.
Fra due giorni si parte e la tensione sale fra gli equipaggi. Noi, ancorché non iscritti alla regata sia per scelta di libertà e sia perché diretti a Capo Verde, decidiamo di vivere ugualmente il momento della partenza decidendo di partire assieme a loro.
Molto emozionante la partenza con spari di cannoni e suoni dei corni da nebbia, a volere esorcizzare le quasi tremila miglia che tutti abbiano davanti prima di approdare “dall’altra parte”!

Sul molo una folla festante. Molti gli amici dell’ultimo momento venuti a darci il loro incoraggiamento: dalla barca abbiamo individuato fra la folla e molto gradito il grande abbraccio virtuale di Peter, un nuovo grande “vecchio” amico Svizzero che da tempo vive in barca a Las Palmas.

Ma di sicuro c’erano anche gli altri nuovi amici: Juan Francisco, un “canarino” DOC senza il cui aiuto non avremmo saputo come fare, Peppino e Manuela, Florence e Alessandro, e ancora Blanca, Lidia assieme a tanti altri che speriamo di rivedere presto!

A bordo di Talina eravamo in 5, con Pierantonio (Pier)  e Luigi. A Capo Verde sono attesi Marinella e Roberto a completare l’equipaggio per il “Grande balzo” verso Barbados.


Saluti a tutti
Saro

(0) Comments    Read More   
Post a Comment

You must be logged in to post a comment.