giu
08
Posted on 08-06-2011 at position
Filed Under (Logbook) by saro

Grecia – 30 Maggio 2011

La nostra esplorazione del Peloponneso continua. Ogni giorno un nuovo posto da visitare, ogni notte una nuova baia dove calare l’ancora.

Alla ricerca di una insenatura riparata dal vento da NW ci ritroviamo  nella baia dove sorge Monemvasia.
Siamo nella estremità sud di quello che viene comunemente chiamato “il terzo dito” del Peloponneso.
Nessuno di noi, lo confessiamo, aveva mai sentito parlare di questa località dal nome difficile da pronunciare e ancora di più da memorizzare.
E’ stata una piacevolissima scoperta!


La rocca in cui sorge l’antica roccaforte di Monemvasia è sovrastata da una enorme formazione granitica.

 

L’antica fortezza che trova un naturale riparo nella impervia formazione rocciosa e nel mare antistante è circondata da antiche mura con solo tre varchi di accesso.
Venne edificata alla fine del 500 dall’imperatore Maurizio e quasi subito “adottata” dai Bizantini che dal 700 la usarono come base navale soprattutto per i loro commerci.

Venne anche chiamata la Gibilterra del Levante per la sua strategica ed unica posizione.
La storia (…la faccio breve!) la vede poi in mano ai Cavalieri delle Crociate, ai Veneziani ed agli immancabili Turchi, fino ad arrivare, in epoca recentissima,  all’esercito tedesco.
Nella piccola cittadina adesso vivono solo alcune famiglie dedite al turismo (piccoli alberghi e tre ristoranti) oltre a negozi di souvenir.
Ci siamo divertiti a “perderci” nel dedalo di stradine che si inerpicano fra casette, molte ben restaurate, e le innumerevoli chiese (se ne contano ben quaranta!), alla scoperta di angoli caratteristici e di particolari da fotografare. Il risultato di questa esplorazione è nelle foto che vi mostro e che spero riescano a trasmettervi le sensazioni che abbiamo provato in questo bellissimo posto quasi sconosciuto.

Commenti disabilitati su MONEMVASIA, UN TUFFO FRA I BIZANTINI !    Read More   

Comments are closed.