mar
23
Posted on 23-03-2008 at position
Filed Under (Logbook) by saro

Le circa 100 miglia di distanza da Blanquilla a Los Roques sono state coperte in una nottata: partiti alle 8 di sera, alle 7 del mattino dopo entravamo nella grande baia di Gran Roques.

Una moltitudineimg_0412.JPG di uccelli festosi ci hanno dato il benvenuto. Vedere i cormorani lanciarsi in tuffo sott’acqua è uno spettacolo unico!

Il piccolo villaggio è composto all’ottanta per cento da “posade”, la maggior parte gestite da Italiani.

Pittoresco e molto trafficato il piccolo aeroporto che è in pratica l’unico mezzo di collegamento con Caracas, a parte le barche da carico riservate alle merci.

Dopo il complessodsc03512.JPG disbrigo delle pratiche di ingresso siamo andati a trovare Antonio, della Posada Maribù che ci era stato segnalato da un amico. Abbiamo trovato un “siciliano verace” che ha saputo costruire, con indubbio buon gusto, un pezzo di Sicila Eoliana in un luogo così lontano.

Sapevamo che a marzo il vento è particolarmente forte e che ci avrebbe impedito di raggiungere molti degli angoli più belli, ma i posti che ci è stato possibile raggiungere hanno confermato alla grande che la fama del posto è del tutto meritata.

Spiagge bianchissimedsc03534.JPG, acqua turchese, uccelli di tutte le varietà, sole forte ma che non si sente troppo per via del vento che non manca mai, insomma è un “postaccio” come pochi al mondo!

Vicino al nostro ultimo ancoraggio, a ridosso del faro di Cayo de Acqua abbiamo notato alla fonda due enormi pescherecci: ci siamo avvicinati con il tender per chiedere di acquistare del pesce: ci siamo ritrovati con un enorme tonno che, visto che non c’è stato verso di pagarlo, abbiamo contraccambiato con del rum!

Una mano a consumarloimg_0529.JPG ci è stata data dall’equipaggio di una barca vicina, che avevamo già incontrato, via radio, durante la veleggiata notturna verso Los Roques: la famiglia Dovis, padre, madre e figlia che vivono sulla loro barca (autocostruita). Partiti dall’Australia 10 anni fa, sono a pochi mesi dal rientro del loro primo giro del mondo.

Domani si riparte in direzione Bonarie (Antille Olandesi). Sulla nostra rotta ancora due piccoli gruppi di isole: le “Les Aves”, ancora venezuelane. Disabitate quelle di sopravento e poco abitate quelle di sottovento. Siamo molto incuriositi e non vediamo l’ora di ripartire!
A tutti i nostri amici un caloroso augurio di BUONA PASQUA da perte di tutto l’equipaggio di TALINA.

(1) Comment    Read More   

Comments

gualtiero on 25 marzo, 2008 at 14:34 #

Ciao a tutto l’equipaggio del Talina ed in particolare a Renato; questo post da Los roques mi ricorda la prima volta su una barca a vela in compagnia anche di Renato. Veramente un posto magnifico.
Di nuovo tanti saluti e buon vento a tutti.


Post a Comment

You must be logged in to post a comment.