gen
01
Posted on 01-01-2008
Filed Under (Logbook) by saro

Scusate il ritardo… Buon Natale!

dsc03017.JPG

Allora… eravamo arrivati al magico momento dell’avvistamento della terra dopo 13 giorni (e notti) di una irripetibile traversata interamente a vela.
Momenti di vera euforia misti a sensi di commozione per la grande emozione per la felicissima riuscita della traversata.
A Barbados l’ancora è stata calata a Carlisle Bay famosa per la sua immensa spiaggia di sabbia bianca, finissima e per il turchese intenso del suo mare: siamo veramente ai Caraibi ed è il 21 Dicembre.
Sono seguiti giorni di assoluto (e meritato) relax con bagni e bevute di birra nel locale che avevamo giusto di fronte: il Boat Yard, luogo di ritrovo dei “soliti” naviganti transoceanici e della bella gioventù locale. Musica e balli dal mattino fino a notte fonda. Impressionante il grande albero di Natale circondato dalla gente in costume da bagno!
Abbiamo incontrato “Serenitè” un magnifico sloop di 75 piedi di Italiani che Claudio e Renato avevano già incontrato ad Aprile nientemeno che in Mar Rosso di ritorno da un “veloce” giro del mondo: il mare è veramente piccolo!
La notte della Vigilia cenone a bordo di Talina, addobbata a festa per l’occasione con scambi di regali.
Il dsc02995.JPGpranzo di Natale assieme ai nostri nuovi amici del Serenitè con un barbecue sulla spiaggia a base di pesce (il nostro) e carne (la loro).
Credo resterà indimenticabile per tutti noi: siamo andati avanti dalle 13 fino alle 18, un vero evento!
Maria è intanto partita la mattina del 25 e la mancanza della sua effervescente presenza si fa sentire.
Il 26 è la volta di Luca che deve rientrare al lavoro, ancora una partenza che crea un vuoto a bordo.
Il 27 è la volta di Bianca che va a trovare la “sua” figlioletta” in Brasile: un altro durissimo colpo…
Siamo rimasti in 6 e presto anche Gino si appresta a rientrare…
Gli addii non sono mai piacevoli e constatiamo come nella breve ma intensissima vita delle ultime 4/5 settimane a bordo sono nate delle vere profonde amicizie!
Decidiamo di lasciare Barbados alla volta di Martinica dove contiamo di effettuare la riparazione del desalinatore e di uno dei generatori che, benché nuovo, non ne vuole sapere di avviarsi.
La solita velocissima navigazione con il solito vento da Est di 25 Nodi ed eccoci a Martinica nella grande baia di “Le Marin” ben protetta dai venti ma costellata di reef affioranti pericolosissimi alla navigazione.
Le carte digitali a cui ci affidiamo sono risultate ancora una volta preziosissime.
Aspettiamo all’ancora le prime luci dell’alba e così, stanchi ma soddisfatti, il 27 Dicembre ci ritroviamo con la poppa in banchina nel grande Porto Turistico di Le Marin.
L’aria prefestiva non ci aiuta nella soluzione dei nostri problemi meccanici di bordo e, assieme agli ormai amici del Serenite (Carlo, Gonzalo, Sandro e Michele e Andeita), decidiamo di spostarci a Sud, alle Grenadine, per aspettare il Capodanno. Ritorneremo a Martinica quando l’atmosfera festiva sarà superata.
Unadsc03034.JPG breve sosta nella baia di “Petit Anse De Arlet” situata davanti al suggestivo scoglio “Diamante” e visita al grazioso villaggio dove abbiamo avuto la fortuna di incrociare un evento che ci ha lasciato a bocca a aperta: un concerto di suonatori di…conchiglie!
Aperitivo a base di “ti-pounch” (lime, zucchero di canna e rum agricolo da 55°) e ripartenza.
Navigare ai Caraibi è un sogno! Sempre vento forte, ma (quasi) mai fortissimo, a soprattutto da Est, quindi nella direzione “al traverso” sia quando vai al Sud che quando ritorni verso il Nord.
Il pomeriggio del 30 ci ritroviamo all’ancora a Bequia, la più a Nord delle Grenadine, ancora all’ancora a fianco del Serenitè.
Immancabiledsc03042.JPG acquisto di aragoste vive dal barchino locale che si precipita sottobordo al nostro arrivo e… via con i preparativi per il cenone che si decide di “celebrare” nella più spaziosa dinette della barca dei nostri amici.
Ildsc03048.JPG menu preparato con abilità da Claudio: Tortellini in brodo, aragoste, lesse e grigliate, lenticchie e gelato. Per finire l’immancabile Rum della Martinica.
Alla mezzanotte una festa di fuochi d’artificio da terra e dal mare: tutti dalle barche a “sparare” i razzi scaduti!

dsc03054.JPG

 

AUGURI DI UN FELICE 2008 A TUTTI!
Saro, Renato, Claudio, Massimo, Jiri.

(3) Comments    Read More